g

Gravida proin loreto of Lorem Ipsum. Proin qual de suis erestopius summ.

Recent Posts

Follow Us:
Torna in Cima
Image Alt

Le versioni integrate di Velvet TMJ: Velvet TMJ Tec

 

 

Il dispositivo Velvet TMJ oltre alla sua versione base è disponibile anche in alcune versioni integrate che aggiungono alla terapia dei disordini temporo-mandibolari ulteriori applicazioni. In particolare, Velvet TMJ Tec è la versione utilizzabile nella pratica quotidiana fisioterapica.

La Diatermia e il suo utilizzo in fisioterapia

La Diatermia è una forma di termoterapia endogena che si avvale del principio basato sull’impiego del calore con finalità terapeutiche, soprattutto in presenza di affezioni dolorose e muscolari. Il termine “endogena” si riferisce al fatto che la tecnologia trasferisce al substrato biologico un’appropriata quantità di energia capace di indurlo alla produzione di calore; questa energia “biocompatibile” somministrata ai vari tessuti esplica così la sua azione terapeutica con alcuni effetti sinergici, tra cui:

• Incremento del microcircolo

• Vasodilatazione

• Incremento della temperatura interna

Il calore endogeno generato inoltre, determina una BIOSTIMOLAZIONE selettiva sui tessuti atrofici innescando risposte fisiologiche di miglioramento.

La stimolazione dei tessuti produce già dalla prima applicazione una sensibile diminuzione della sintomatologia, incrementa la circolazione sanguigna, aumenta la tensione di ossigeno nella zona trattata, genera una vasodilatazione, riduce le contratture muscolari e facilita il riassorbimento degli edemi. Velvet TMJ Tec consente di trattare con efficacia e in tempi brevi le patologie riguardanti ginocchio, spalla, anca, caviglia, colonna vertebrale, mani e muscoli, come pure le patologie dolorose infiammatorie, osteoarticolari degenerative e muscolari quali artrosi, lombalgie e sciatalgie.

Controindicazioni

Non devono sottoporsi al trattamento soggetti:

  • portatori di pacemaker o altro strumento medicale
  • con lesioni tumorali nella sede del trattamento
  • con patologie cutanee che con il trattamento possono degradare (ragadi o altre lesioni simili)
  • affetti da patologie ipo-coagulative
  • in gravidanza o in fase di lattazione.