fbpx
g

Gravida proin loreto of Lorem Ipsum. Proin qual de suis erestopius summ.

Recent Posts

Follow Us:
Torna in Cima
Image Alt

L’accentuarsi dei disturbi temporo-mandibolari in periodo Covid-19

L’accentuarsi dei disturbi temporo-mandibolari in periodo Covid-19

Le conseguenze dell’incertezza e delle preoccupazioni che il Covid-19 ha portato si manifestano in molti modi. Il comune denominatore è di certo una sensazione di ansia costante, stress e in alcuni casi anche di panico. Sono problematiche molto diffuse e anche chi non avverte in modo evidente il senso di disagio che il periodo ha recato con sè ha spesso delle ripercussioni a livello fisico le cui radici affondano proprio in questo evento così complesso da affrontare.

E’ sicuramente il caso di tutti i disturbi temporo mandibolari che da marzo 2020 stanno aumentando del 10% nella popolazione adulta, in prevalenza femminile, e addirittura del 40% fra i giovani e bambini.

La motivazione va ricercata principalmente nel modo in cui il corpo risponde allo stress provocato da tutte le misure che hanno limitato e cambiato le nostre vite come, ad esempio, i divieti di spostamento, la mancanza di socialità, le chiusure di attività commerciali e scuole e le ripetute sospensioni delle campagne vaccinali.

Il fisico infatti somatizza il disagio e le forme di ansia in molti modi ma uno di quelli più comuni è la creazione o l’acuirsi delle tensioni dell’articolazione temporo mandibolare che provoca dolori a livello oro-facciale, temporale e cervicale ma non solo. 

Infatti, oltre al malessere, tensioni di questo tipo portano, nei casi più gravi, a una quasi completa inabilità a mangiare e deglutire ma anche a parlare e sorridere, azioni quindi che si svolgono con un’alta frequenza durante il giorno.

Per quanto non si tratti di patologie pericolose per la salute possono però diventare altamente invalidanti e in ogni caso molto fastidiose.

E’ interessante, per quanto preoccupante, notare l’aumento dell’incidenza del problema nei più giovani, segnale di quanto il Covid-19 abbia impattato negativamente nello loro vite. In questo caso molto spesso le tensioni muscolo-scheletriche sono causate dalla inespressione di emozioni come la rabbia che, al contrario, vengono represse per manifestarsi poi sotto forma di malesseri fisici. Per quanto riguarda la fascia giovanile influiscono inoltre su questo tipo di problemi anche l’abuso di alcool, l’assunzione di sostanze stupefacenti e l’eccessivo consumo di caffeina.

Per tutte le fasce d’età è quindi importante intervenire in maniera quanto più precoce e risolutiva.

L’approccio consigliato per affrontare questo tipo di problemi è multidisciplinare: è infatti importante la collaborazione di diversi profili sanitari tra cui i fisioterapisti e osteopati, gli otorinolaringoiatri e ovviamente i dentisti. Ancora più indicata è  la figura dello gnatologo: un odontoiatra specializzato nella fisiologia e fisiopatologia del complesso cranio-cervico-mandibolare.

Dal punto di vista dei trattamenti per lenire il dolore fino ad arrivare a risolvere il problema definitivamente tutto dipende dalla particolarità dei singoli casi e solo gli specialisti possono esprimersi in merito ma è bene ricordare che esistono tecnologie come per esempio la diatermia capacitiva e resistiva e l’elettroporazione che permettono di di intervenire in maniera efficace sulla sintomatologia evitando la somministrazione di farmaci per via sistemica.

Richiedi informazioni







Autorizzo il trattamento dei miei dati personali (Informativa)